Come leggere un grafico a candele

0 Comments

Se stai per imparare a leggere un grafico a candele, devi prima capire la struttura di un candeliere. A differenza di un grafico a linee di base, ogni candela in un grafico a candele ha quattro punti dati indipendenti: Il minimo di apertura. L’alto. Il basso. E il prezzo di chiusura stesso.

Esistono diversi tipi di intervallo di tempo che un Candeliere può visualizzare. I più popolari sono i modelli LTCP (Long Term Candlestick Patterns) e gli SCTP (Short Term Candlestick Patterns). C’è anche qualcosa chiamato High Velocity Candlestick Patterns o HDCP in breve. Sono queste candele a lasso di tempo più sofisticate che sono quelle a cui devi prestare particolare attenzione quando impari a leggere un grafico a candele.

Allora, cosa c’è di così importante nelle forme dei candelieri? La cosa importante da ricordare è che sono costituite da bolle a forma di cuneo e ognuna rappresenta uno dei quattro principali modelli di azione dei prezzi di cui abbiamo appena discusso. Quindi, se stai per imparare a leggere un grafico a candele, avrai bisogno di sapere quali schemi di candele stai guardando e cosa deve rappresentare ogni punto sulla candela.

Naturalmente, non puoi effettivamente vedere una candela o un motivo finché non sei a circa tre piedi da esso. Quindi, se hai una visione limitata, potresti voler usare la tua lente d’ingrandimento preferita. Avrai anche bisogno di un portacandele che possa aiutarti a evitare di bruciarti le dita mentre guardi i grafici. Ovviamente, non hai sempre bisogno di un supporto o di qualsiasi altra cosa per aiutarti a vedere i modelli. Ad alcuni trader piace mettere le mani direttamente sui grafici, e questo non è un male, ma per coloro che vogliono fare un’analisi dettagliata, potrebbe essere meglio guardare i grafici più grandi e almeno capirli.

Quando impari a leggere un grafico a candele, devi prima imparare gli stoppini. Uno stoppino di candela è una linea sottile sul grafico che indica quando sono stati raggiunti i prezzi di chiusura per un determinato periodo di tempo. Ad esempio, una candela può rimanere aperta per tre giorni, quindi chiudersi per un giorno. I prezzi di apertura e di chiusura vengono visualizzati nella stessa sequenza di colori sul grafico.

Come abbiamo discusso in precedenza, lo scopo principale di un grafico a candele è l’analisi delle tendenze. Ora, una tendenza è semplicemente la direzione del mercato. Se il prezzo di apertura è alto, il mercato è considerato in una tendenza al rialzo. Allo stesso modo, se il prezzo di apertura è basso, si dice che il mercato sia in una tendenza al ribasso. Pertanto, i trader devono prestare attenzione al trend e cercare di prevedere la direzione del trend.

La maggior parte dei grafici a candele si basa sulla tecnica delle medie mobili. Questo è un tipo di metodo di creazione di grafici che si concentra solo sui prezzi di chiusura. Le medie mobili si basano sulla media aritmetica dei prezzi di chiusura in un determinato periodo di tempo. Ad esempio, il prezzo di chiusura di ogni barra rappresenta il valore della media mobile di quella barra. La dimensione della gamma può essere visualizzata dalla fusione dei colori tra il prezzo di apertura e quello di chiusura.

Esistono diversi tipi di indicatori di intervalli di tempo che possono essere utilizzati in un grafico. I semplici indicatori del lasso di tempo includono l’indicatore del volume, l’indicatore di convergenza / divergenza della media mobile o MACD e l’indicatore di convergenza-divergenza della media mobile o MACD. Indicatori di time frame più sofisticati includono i grafici a candele giapponesi e il metodo dei grafici a barre. Nel metodo del grafico a barre, un trader può inserire un segnale di acquisto o vendita tracciando una linea dal massimo della candela al minimo della candela. Pertanto, la dimensione dei segnali di acquisto e vendita ricevuti è direttamente correlata alla dimensione della candela. La maggior parte dei trader professionisti di solito utilizza le candele come indicatore del periodo di tempo.