I prezzi dell’oro scendono nonostante lo spavento del coronavirus, messa a fuoco della BCE

0 Comments

I prezzi dell’oro sono crollati quando si è diffusa la notizia dello spavento del Coronavirus, di conseguenza il prezzo dell’oro è sceso. Poiché il mercato ha continuato a calare, un certo numero di analisti economici ha sollevato le proprie preoccupazioni in merito al calo del prezzo.

Molti nella comunità finanziaria credono che i prezzi dell’oro continueranno a scendere, poiché sempre più persone stanno diventando consapevoli del Coronavirus. Una cosa di cui sono preoccupati è che i consumatori abbandoneranno del tutto l’oro. Se i consumatori vedessero diminuire il valore dell’oro, ciò potrebbe causare un drastico calo del valore del dollaro.

Ciò è particolarmente allarmante, poiché negli ultimi anni l’oro ha guadagnato solo valore ed è attualmente una delle partecipazioni più forti rispetto al dollaro, la più forte attualmente. Il prezzo dell’oro e delle sue riserve è aumentato costantemente negli ultimi anni. Sarà interessante vedere per quanto tempo dura la paura di Coronavirus, o se farà sì che i consumatori inizino a vendere oro invece di spenderli.

Nel frattempo, i tassi di interesse sul denaro stanno calando in tutto il mondo. Quando i tassi di interesse diminuiscono, aumentano i prezzi di qualsiasi tipo di attività. Ciò è dovuto al fatto che la quantità di denaro disponibile per prestiti e crediti aumenterà.

In passato, con l’aumento dei tassi di interesse, i prezzi delle attività sono diminuiti. Gli sforzi della Fed per sostenere il mercato non hanno fatto nulla per aiutare l’economia. Se c’era qualcosa da temere, avrebbero dovuto essere i tassi di interesse, non lo spavento del Coronavirus.

La recessione globale è iniziata e il dollaro ha continuato a indebolirsi. I prezzi dell’oro sono scesi di circa il 60% dal 2020. Questo è un grande calo in un periodo di tempo relativamente breve.

Con l’economia in depressione e il calo dei tassi di interesse, il valore delle attività cartacee continua a salire. Questo perché la quantità di risorse cartacee aumenterà.

Con l’aumento delle attività cartacee, il dollaro continuerà a indebolirsi. Altri paesi saranno costretti a cedere alle crisi valutarie e ciò danneggerà l’immagine degli Stati Uniti in tutto il mondo. Ciò aggrava ulteriormente i problemi della recessione globale.

La paura del Coronavirus e il calo dei prezzi dell’oro potrebbero essere un segnale del fatto che la recessione globale è stata ritardata di un altro anno o due. È possibile che gli istituti finanziari stiano trattenendo l’iniezione di liquidità nel mercato, il che potrebbe finire per danneggiare il mercato azionario e infine rialzare i tassi di interesse.

Potrebbero anche tentare di inasprire la politica monetaria, in modo da mantenere la fiducia delle banche centrali in tutto il mondo. L’oro alla fine si riprenderà, ma solo dopo che le banche centrali si impegneranno a fondo per aiutare l’economia. Quando ciò accade, i prezzi dell’oro ricominceranno a salire.

È possibile che i prezzi dell’oro si stabilizzino e che rientreremo in una recessione entro uno o due anni. È anche possibile che i prezzi dell’oro aumentino, poiché i cittadini chiedono il rafforzamento del dollaro USA e il mondo torna alla recessione.

Il valore dei prezzi dell’oro varierà di mese in mese, a seconda che l’economia americana sia forte o debole. Finché c’è una crisi economica, è possibile che i prezzi dell’oro saliranno di nuovo.