L’EUR / USD potrebbe diminuire se il Coronavirus indebolisce la crescita dell’Eurozona

0 Comments

Mentre la crisi economica continua, il tasso EUR / USD potrebbe diminuire da solo. Questo è particolarmente vero con le valute che commerciano in Asia e in Europa, poiché questa regione è un grande acquirente di esportazioni europee.

Il più grande commercio di EUR / USD negli ultimi mesi è stato tra lo yen giapponese e l’euro. Lo yen giapponese è salito a nuovi massimi e poi è andato in declino mentre anche l’euro stava andando in declino.

La seconda coppia di valute più scambiata negli ultimi mesi è stata l’Euro / USD. Ciò era in contrasto con lo yen giapponese, che era piatto per gran parte del periodo.

La terza coppia più scambiata è stata la coppia Euro / Yen giapponese. Vale la pena notare che i franchi olandesi, britannici e francesi hanno tutti avuto forti manifestazioni durante il periodo e sono stati quindi tutti diretti verso il basso.

Il più grande giorno di negoziazione per l’EUR / USD è stato il rally EUR / JPY. Questo commercio ha avuto luogo il 17 marzo e faceva parte di un forte raduno di due settimane.

Dall’inizio dell’anno, il modello commerciale è stato chiaro e la debolezza è stata evidente negli ultimi mesi. In effetti, l’euro è sceso drasticamente ma non è ancora sceso sotto i 75 centesimi.

Un altro motivo di forza è che questo è stato un commercio solido rispetto a molti altri scambi negli ultimi mesi. Il commercio EUR / USD è stato il più forte da gennaio.

Un commercio forte è stato mantenuto dall’inizio di gennaio, quando il commercio è rimasto invariato per i primi otto giorni. In effetti, l’intero periodo fino al 23 marzo è stato molto forte con il territorio positivo spezzato dal modello a metà febbraio.

Tutto ciò è una buona notizia per i trader perché sembra che il commercio forte stia tenendo forte. La debolezza è stata evidente il giorno successivo al GFC, in cui il commercio EUR / USD è cresciuto bruscamente nei confronti del dollaro USA, ma poi è tornato allo schema dall’inizio di marzo in poi.

Lo schema di gennaio è stato rotto almeno quattro volte e vi sono tutte le possibilità che questo commercio rimarrà fino alla fine di aprile. È molto probabile che il commercio debole venga mantenuto per i prossimi tre mesi.